LESSICO AMOROSO DI MASSIMO RECALCATI, UN RISCONTRO PIENO TRA CRITICA E PUBBLICO

Versione Privata - Massimo Recalcati: «I miei viaggi ... - Il Secolo XIX

A proposito di Lessico Amoroso “La meraviglia dell’incontro”
recensionelessicoamoroso

Gabriella Cassarino, architetto
In un’epoca in cui tutti andiamo veloci e consumiamo il nostro tempo, spesso senza pensare a ciò che facciamo, a ciò che scegliamo, alle parole che usiamo; in un’epoca in cui i media e i social con violenza e prepotente incessante ripetitività ci spingono a consumare beni materiali e il “nuovo” è presto “vecchio”; in un’epoca in cui abbiamo perso il valore dei rapporti umani, degli sguardi, di un sorriso, dell’ascolto, delle parole… Massimo Recalcati, con il suo “Lessico”, ci offre la sua parola e ci parla di Amore.
“Lessico Amoroso”, con discrezione e al tempo stesso coraggio, ci indica una direzione diversa, nuova, ci riconduce a Noi, si rivolge al “nostro stesso Essere che spesso non sa di Essere”: Promessa, Desiderio, Figli, Tradimento, Perdono, Violenza, Separazioni, cosa sono questi argomenti se non la nostra stessa vita? Quella dimensione con cui ci confrontiamo quotidianamente e in cui, spesso, ci sentiamo soli o isolati ad affrontare problemi che scopriamo, invece, essere comuni a molti.
Recalcati si “prende cura” di noi e ci ricorda che in un Mondo dove spesso ci sentiamo feriti, traditi, violentati dalla crudeltà e dalla insensata indifferenza, in una quotidianità che ci separa, ci nega il diritto e il dovere di realizzare il nostro desiderio, abbiamo una strada da percorrere alternativa alla rabbia, alla guerra, alla contesa: la strada, seppur in salita, dell’Amore.
Un Amore che, ci dice Recalcati, in un Tempo in cui ogni piacere si consuma, spesso, in un lampo e svanisce nel nulla, può bruciare e, al tempo stesso, durare; un Amore che una coppia di genitori, nella diversa specificità di genere, può scegliere di consegnare ai propri figli attraverso la testimonianza dello sguardo sul Mondo, come eredità da trasformare e riconsegnare.
Recalcati non offre soluzioni ma dona spunti di riflessione riconducendoci a semplici valori umani che, nel delirio di una società consumistica e materialistica fagocitante, abbiamo perso per strada e, pur affrontando tematiche delicate e complesse e avvalendosi di riferimenti autorevoli del mondo della psicoanalisi (Lacan, Freud …) lo fa con parole chiare, che raggiungono un pubblico eterogeneo per età e condizione socio – culturale, non solo in Studio ma, più ampio, a casa.
Sì, perché è questo il giusto servizio che la televisione pubblica deve rendere: educare al rispetto dei valori umani, fornire una corretta informazione e accompagnare lo spettatore alla riflessione, comunicando con garbo, rispetto e cautela, qualità fondamentali per la costruzione di un clima di libera scelta. “Lessico Amoroso” offre con coerenza il giusto servizio pubblico al suo pubblico;
“Lessico Amoroso” ci svela che un “incontro” d’Amore ci può far scoprire la meraviglia del “non è più come prima”; ci mette in guardia dal non consentire mai a nessuno di tessere reti dove intrappolare i nostri sogni; ci incoraggia poeticamente a saper vedere sempre lo splendore del Mondo, a trovare la giusta direzione, a non aver paura nonostante tutto e tutti, a “essere capaci di Amore nonostante il dolore del Mondo”, perché “se non ami la tua vita passerà in un lampo”.
“Lessico Amoroso” ci ricorda che esiste un modo completamente laico di vivere il messaggio cristiano.
E se una trasmissione che va in onda in tarda serata fa parlare tanto di sè e porta gli spettatori persino a scrivere, forse, niente è mai troppo tardi.

Leggi anche:
Ultima puntata di Lessico amoroso. Lunedì notte. RAI 3…

“In difesa di Lessico Amoroso”
“Lessico amoroso”, l’isola più raffinata dei palinsesti televisivi
“Psicoanalisi in televisione”
Due o tre cose su “Lessico amoroso” di Recalcati
“Massimo Recalcati, l’amore tra libro e tv”
“Ricucire la lingua. Note a margine di Lessico amoroso”
“La bellezza del Lessico Amoroso”
“Questo Lessico così nuovo e così antico”
Su “Lessico Amoroso” (Prima puntata, “La promessa”)
“Lessico amoroso: la psicoanalisi va in TV”
“Lessico Amoroso”
“Tradimento e perdono”
“La violenza”
“La violenza nel Lessico Amoroso (quinta puntata)”
“Separazioni”
L’incanto dei mentecatti
“Separarsi …”
“La meraviglia dell’incontro”

Massimo Recalcati - Home | Facebook