NUOVA VIA DELLA SETA ROMA-PECHINO, GLI STATI UNITI FANNO SENTIRE IL LORO DISSENSO

L'Italia è finita in mezzo alla guerra commerciale tra America e Cina. Washington vorrebbe fare terra bruciata attorno a Pechino e ci chiede di far gioco di squadra con tutti gli altri Paesi dell'Occidente. Roma sarà invece la prima ad aprirsi ai nuovi traffici con l'Asia (e l'Italia sarà anche il primo Paese a usare la tecnologia per cellulari a rete di connessione 5G, mentre l'America chiede a tutti di restare con il 4G). Insomma, in questo momento stiamo un po' tralasciando le pressioni dei i confratelli occidentali. Però c'è anche da dire che la Via della Seta nacque proprio come sistema di scambio tra Impero Cinese e Impero Romano, quindi dal punto di vista storico siamo un po' più legittimati degli altri. Poi non c'è solo Roma antica, c'è anche Venezia e Marco Polo. Dovremo fare come sempre esercizi di equilibrio tra le diverse potenze. Quando c'era la guerra fredda con la Russia l'Italia era al tempo stesso il primo degli alleati americani (o il secondo, se si considera il Regno Unito) ma anche il Paese con il più grande partito comunista dell'Occidente (e Togliatti era il numero due dell'Internazionale Comunista, al punto che in Russia gli venne dedicata una città, Toliattigrad).
W.M.

Il governo italiano si schiera con la Cina, gli Stati Uniti ... - La Repubblica