SOLITUDINE

Candidi capelli e così radi
che quasi si contano.

Esile incerta fifura
nell'odierna scarna solitudine
non t'accorgi
che gli anni son trascorsi
come acqua piovana
su lastre di ghiaccio.

Adriana Centi
da "Poesie 1994 - 1997"