DA' FUOCO ALL'EX MOGLIE: "INAMMISSIBILE CHE FOSSE SOLO AI DOMICILIARI NONOSTANTE I PRECEDENTI,
IN UNA SOCIETA' CIVILE SERVONO PENE CERTE E DURATURE"

Le parole della presidente della Commissione regionale per le Pari Opportunità Cinzia Nava sul grave fatto della donna bruciata a Reggio Calabria

Ilaria Calabrò
“Ennesimo atto di violenza su una donna, e proprio nella nostra città. Scappa dagli arresti domiciliari a Napoli e dà fuoco alla moglie che ora versa in gravi condizioni in ospedale. Non è più possibile sopportare simili atti a danno delle donne. Così come non è più possibile sopportare sentenze che, basandosi su giustificazioni non giustificabili, riducono la pena”.
Ad affermarlo è la presidente della Commissione regionale per le Pari Opportunità Cinzia Nava.
“Quanto accade è il risultato di una società non evoluta culturalmente che vede la donna concepita dal proprio compagno come un oggetto da distruggere se la stessa non è più rispondente alle proprie esigenze. Si richiede con forza l’intervento delle istituzioni tutte per saper apprendere in tempo i segnali di allarme (scuole, magistrati, carabinieri, ed altri operatori di giustizia). È necessario assicurare pene certe e durature; non arresti domiciliari da cui poter fuggire… Una società civile -conclude Nava- non può continuare a raccontare gli atti e basta”.

http://www.strettoweb.com
https://www.facebook.com/strettowebnews/