DEPUTATA IRANIANA IN CAMPO CONTRO IL FENOMENO DELLE "SPOSE BAMBINE"
Tayyebeh Siavoshi, 'il problema è la povertà, aggravata dalle sanzioni Usa'


End Child Marriage campaign in Malaysia © ANSA/ANSA

Oltre 370.000 ragazze tra i 10 e i 18 anni sposate, di cui diverse decine hanno solo 9 anni. L'impressionante numero delle 'spose bambine' in Iran è quasi un simbolo delle contraddizioni esistenti in un Paese dove la presenza di molte donne nelle attività professionali altamente qualificate contrasta con le norme ispirate alla legge islamica che ne limitano i diritti. Contro questa realtà si è scontrato anche il tentativo di Tayyebeh Siavoshi, deputata presidente della commissione per gli Affari femminili del Parlamento, di far approvare una legge che aumentasse l'età minima richiesta per il matrimonio.
"Sfortunatamente - dice la parlamentare in un'intervista all'ANSA - la commissione per gli Affari giudiziari ha respinto la richiesta di portare in aula la proposta, affermando che è contraria alla Sharia".
La bocciatura è avvenuta nonostante fossero stati ben 150, su un totale di 290, i deputati che avevano manifestato sostegno per l'iniziativa. "Per questo - aggiunge Tayyebeh Siavoshi, appartenente allo schieramento riformista - non ci arrenderemo. Dopo il parere negativo abbiamo chiesto che la commissione per gli Affari giudiziari spieghi le ragioni della sua decisione all'ufficio di presidenza del Parlamento, e che il dibattito si svolga comunque".

Continua a leggere: Deputata iraniana in campo contro il fenomeno delle 'spose ... - ANSA.itù